Bonus retrofit elettrico, 3500 Euro per conversione auto in elettriche: come funziona

La guida al bonus retrofit dedicato a chi riqualifica in termini green i propri veicoli trasformandoli in mezzi elettrici

auto elettrica motore

Pronto il bonus retrofit elettrico, il contributo fino a 3.500 euro riconosciuto ai proprietari di veicoli per il trasporto di persone e merci che installano sul proprio mezzo un sistema di riqualificazione elettrica in sostituzione del motore endotermico.

Rientrano tra i veicoli per cui vale l’agevolazione i mezzi di trasporto di persone, per un massimo di 8 posti, e trasporto merci immatricolati originariamente con motore a combustione interna.

In questa guida vi spieghiamo come funziona il bonus retrofit elettrico, a chi spetta, come richiederlo e quali sono i benefici previsti.

BONUS RETROFIT ELETTRICO, COS’È

Il bonus retrofit elettrico è un contributo pari al 60% del costo per la riqualificazione del veicolo fino a un massimo di 3.500 euro, a cui si aggiunge un contributo del 60% delle spese relative all’imposta di bollo per l’iscrizione al Pubblico Registro Automobilistico (Pra), all’imposta di bollo e all’imposta provinciale di trascrizione. È destinato ai proprietari di veicoli per il trasporto di persone e merci che installano sul proprio mezzo un sistema di riqualificazione elettrica per sostituire l’originario motore endotermico (a combustione interna).

Le risorse complessive previste nel bilancio del MIMS per questo intervento sono pari a 14 milioni di euro per le sostituzioni avvenute a partire dal 10 novembre 2021, data di entrata in vigore della Legge n. 156 del 9 novembre 2021, articolo 8 comma 1 bis, che ha introdotto tale misura. A disciplinare il bonus è un Decreto del MIMS firmato di concerto con il MISE, che è in corso di pubblicazione. Il termine per l’acquisizione delle richieste scade il 31 dicembre 2022.

Obiettivo del bonus è incentivare la decarbonizzazione e prevedere una maggiore sostenibilità ambientale del sistema dei trasporti per favorire la transizione ecologica. Vediamo come funziona.

A CHI SPETTA

Il contributo spetta ai proprietari di veicoli per il trasporto di persone e merci che installano sul proprio mezzo un sistema di riqualificazione elettrica in sostituzione del motore endotermico (automobili, camion, furgoni ecc.). Vale per le riqualificazioni effettuate a partire dal 10 novembre 2021, data di entrata in vigore della Legge n. 156 del 9 novembre 2021. Altri eventuali dettagli e requisiti saranno chiariti con la pubblicazione del Decreto MIMS, su cui vi aggiorneremo.

VEICOLI AMMESSI AL BONUS RETROFIT ELETTRICO

Il bonus retrofit elettrico può essere fruito per i veicoli per il trasporto di persone e merci che sono classificati nelle seguenti categorie:

  • M1, veicoli per il trasporto di persone, con massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente;

  • M1G, M1 fuoristrada;

  • M2, veicoli per il trasporto di persone, con massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente, peso massimo 5 tonnellate;

  • M2G, M2 fuoristrada;

  • M3, veicoli per il trasporto di persone, con massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente, peso massimo oltre 5 tonnellate;

  • M3G, M3 fuoristrada;

  • N1, veicoli per il trasporto di merci, peso massimo non superiore a 3,5 tonnellate;

  • N1G, N1 fuoristrada.

Tali veicoli devono essere stati immatricolati originariamente con motori a combustione interna e trasformati in veicoli a trazione elettrica solo successivamente, a partire dal 10 novembre 2021.

A QUANTO AMMONTA IL BONUS

Il contributo del bonus retrofit elettrico è pari al 60% del costo sostenuto per la riqualificazione e arriva fino a un massimo di 3.500 euro. Si aggiunge un ulteriore contributo del 60% delle spese relative:

  • all’imposta di bollo per l’iscrizione al Pubblico Registro Automobilistico (Pra);

  • al pagamento dell’imposta di bollo;

  • all’imposta provinciale di trascrizione.

COME FUNZIONA IL BONUS RETROFIT

Il bonus retrofit elettrico è un contributo calcolato su quanto speso per effettuate la riqualificazione elettrica di un veicolo, spese fino a un massimo di 3.500 euro. La procedura di richiesta del bonus è a sportello è l’aiuto vale solo per le specifiche categorie di veicoli indicate, come da articolo 8, comma 1 bis della Legge n. 156 del 9 novembre 2021. Per l’assegnazione del contributo, il MIMS si avvarrà di una specifica piattaforma informatica. Non sono ancora stati chiariti dettagli sulla cumulabilità e altri eventuali limiti del bonus che invece saranno resi noti non appena il Decreto attuativo sarà pubblicato in Gazzetta. Vi aggiorneremo.

SCADENZA

È possibile presentare le richieste per il bonus retrofit elettrico entro e non oltre il 31 dicembre 2022.

COME RICHIEDERE IL BONUS RETROFIT ELETTRICO

Per richiedere il bonus retrofit elettrico è necessario presentare domanda secondo la procedura disciplinata dal MIMS e non ancora resa nota. Sarà necessario presentare la documentazione sul possesso dei requisiti e anche quella relativa ai veicoli oggetto della riqualificazione energetica. Certo è che per l’assegnazione del contributo, il MIMS si avvarrà di una specifica piattaforma informatica, gestita da Consap SPA, la cui attivazione sarà comunicata sul sito del Ministero e su cui vi aggiorneremo.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Legge n. 156 del 9 novembre 2021 – Testo Coordinato (Pdf 668 Kb).

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento sugli incentivi aiuto 2022 e il nostro focus sugli incentivi per l’acquisto camion 2022. Vi consigliamo poi di leggere la guida sul bonus patente nazionale 2022, l’approfondimento dedicato al bonus patente Regione Liguria.

Per scoprire altri bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle persone. Inoltre per conoscere tutte le agevolazioni a favore dei datori di lavoro è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese. Consigliamo inoltre di iscriversi gratis alla nostra newsletter, per ricevere tutti gli aggiornamenti, e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti