Doppia laurea: testo legge 2022 e come funziona in Italia

Via libera alla legge sulla doppia laurea. Ecco cosa prevede il testo approvato che consente di iscriversi in contemporanea a più corsi univeristari

laurea

La doppia laurea in Italia è finalmente possibile. È stato approvato in via definitiva il disegno di legge che consente di iscriversi contemporaneamente a due diversi corsi di laurea.

Una facoltà, fino ad ora negata da una norma risalente al 1933, che vale per tutti i corsi di laurea, 3+2 o a ciclo unico, e master presso più università, scuole o istituti superiori ad ordinamento speciale. Rientrano anche i corsi di diploma accademico, di primo o di secondo livello, presso le istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.

In questa guida vi spieghiamo cosa prevede la nuova legge sulla doppia laurea 2022 attiva in Italia, a chi si rivolge, come funziona e quali novità comporta.

LEGGE DOPPIA LAUREA, COSA PREVEDE

La legge sulla doppia laurea, approvata dal Senato in via definita il 6 aprile 2022, abroga finalmente il divieto di seguire contemporaneamente due corsi di studio. Era il secondo comma dell’articolo 142 del Regio Decreto 1592 del 1933 (comma 7), ora eliminato dall’unico articolo del Disegno di legge appena varato, che recitava “è vietata l’iscrizione contemporanea a diverse Università e a diversi Istituti d’istruzione superiore, a diverse Facoltà o Scuole della stessa Università o dello stesso Istituto e a diversi corsi di laurea o di diploma della stessa Facoltà o Scuola“.

Abolendo questa norma, la nuova legge sulla doppia laurea, fermo restando l’obbligo di possesso dei titoli di studio richiesti dall’ordinamento per l’iscrizione ad ogni singolo corso di studi, prevede la possibilità di iscriversi a due corsi contemporaneamente. Il Disegno di legge arriva da un’iniziativa parlamentare del 2020 ed ora, dopo due anni, è stata approvato in Aula.

A QUALI CORSI È POSSIBILE ISCRIVERSI CONTEMPORANEAMENTE

A partire dal prossimo anno accademico 2022 2023, dunque, è consentita l’iscrizione contemporanea a:

  • due diversi corsi di laurea (triennale), di laurea magistrale o di master, anche presso più università, scuole o istituti superiori ad ordinamento speciale;

  • due corsi di diploma accademico, di primo o di secondo livello, presso le istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM).

Queste iscrizioni contemporanee sono consentite presso istituzioni italiane, ovvero italiane ed estere. Resta valido quanto disposto dal DM 270 del 2004 in materia di criteri generali per l’ordinamento degli studi universitari e per la determinazione della tipologia dei titoli di studio rilasciati dalle università.

A QUALI CORSI NON È CONSENTITA LA DOPPIA ISCRIZIONE

La legge precisa che non è consentita l’iscrizione contemporanea:

  • a due corsi di laurea appartenenti alla stessa classe e ai corsi di specializzazione medica;

  • non è consentita l’iscrizione contemporanea allo stesso corso di laurea, di laurea magistrale o di master presso due diverse università, scuole o istituti superiori ad ordinamento speciale.

In altre parole, non è possibile seguire in contemporanea lo stesso corso di laurea, per esempio in Giurisprudenza, presso due Università diverse.

CRITERI E MODALITÀ DI ISCRIZIONE PER LA DOPPIA LAUREA

Il comma 3 della nuova legge sulla doppia laurea prevede che entro sei mesi dalla sua entrata in vigore il Ministro dell’Università e della Ricerca, previo parere della Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI), del Consiglio universitario nazionale (CUN) e del Consiglio nazionale degli studenti universitari (CNSU), adotti un apposito decreto dove siano disciplinate le modalità e criteri per consentire agli studenti la doppia iscrizione simultanea. L’obiettivo è favorire il conseguimento di titoli finali doppi o congiunti.

Il decreto attuativo, tra l’altro, dovrà fare particolare attenzione ai corsi che richiedono la frequenza obbligatoria e, a riguardo, si potranno prevedere apposite convenzioni, presso due università, scuole o istituti superiori ad ordinamento speciale, di cui almeno una italiana, di titoli finali doppi o congiunti. Sul punto vi terremo aggiornati in questo stesso articolo.

TASSE E BORSE DI STUDIO

Con il prossimo Decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca saranno anche stabilite le modalità di pagamento delle tasse accademiche e all’iter per l’accesso alle borse di studio e agli esoneri dal versamento delle rette per gli studenti aventi diritto. Non appena il MUR si esprimerà in merito, vi informeremo in questo stesso articolo.

FASCICOLO ELETTRONICO DELLO STUDENTE

Dovrà essere sempre il MUR a stabilire, quali saranno le modalità di adeguamento del fascicolo elettronico dello studente universitario, oltre a decidere le modalità di raccordo con il curriculum dello studente (delle scuole secondarie di secondo grado).

L’INCLUSIONE PER GLI STUDENTI LAVORATORI

L’unico articolo di cui si compone la legge sulla doppia laurea, al comma 4, prevede che le Università predispongano annualmente un programma che favorisca, promuova ed estenda la partecipazione degli studenti lavoratori a corsi di laurea e ad attività formative post laurea. Anche su tali iniziative, vi terremo aggiornati.

GLI OBIETTIVI DELLA LEGGE SULLA DOPPIA LAUREA

La legge sulla doppia laurea risponde alla necessità di adeguare la normativa italiana alla maggior parte degli ordinamenti degli altri Paesi Europei, che riconoscono agli studenti la facoltà di iscriversi contemporaneamente a più di un corso di studio. Grazie infatti alla doppia iscrizione si favorisce l’interdisciplinarietà del sapere al fine di creare figure professionali che rispondano in modo più adeguato alla variabilità e alla complessità del mercato del lavoro, sia in Italia che all’estero.

IL TESTO DELLA LEGGE SULLA DOPPIA LAUREA

Mettiamo a vostra disposizione il testo definitivo della legge sulla doppia laurea (Pdf 204 Kb) approvato dal Senato il 6 aprile 2022.

AGGIORNAMENTI

Se volete sapere le novità su come funzionano i dottorati Universitari secondo gli ultimi provvedimenti, potete leggere il nostro articolo. Per scoprire altre interessanti novità legislative vi invitiamo a visitare questa pagina. Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti