Superbonus 2024: tutte le novità, come funziona e cosa cambia con proroga

La guida al Superbonus 2024 che scende al 70% con la spiegazione di tutte le novità introdotte

superbonus, casa

Il Superbonus cambia forma e sarà riconosciuto al 70% per le spese sostenute nel 2024 e al 65% per le spese relative al 2025.

Resta lo stop alla cessione del credito e allo sconto in fattura.

Il Consiglio dei Ministri del 28 dicembre 2023 però, con un Decreto ad hoc, ha previsto novità per il 2024, garantendo il credito d’imposta al 110% per i lavori asseverati entro il 31 dicembre 2023.

Poi, per i cantieri con almeno il 60% di avanzamento a fine 2023 sarà concesso, a chi ha redditi sotto i 15.000 euro, un contributo speciale dal 1° gennaio 2024 al 31 ottobre 2024.

In questa guida vi spieghiamo in modo chiaro e dettagliato cos’è e come funziona il Superbonus 2024, quali sono le novità in vigore e cosa prevedono le deroghe valide dal 1° gennaio 2024.

COS’È IL SUPERBONUS 2024

Il Superbonus 2024 è un’agevolazione che consiste in una detrazione fiscale pari al 70% delle spese sostenute per la realizzazione di specifici interventi finalizzati all’efficienza energetica e al consolidamento statico o alla riduzione del rischio sismico degli edifici. Tra gli interventi agevolati rientra anche l’installazione di impianti fotovoltaici e delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

SUPERBONUS 2024, ULTIME NOTIZIE E NOVITÀ

Nonostante le numerose richieste avanzate da più parti politiche e imprenditoriali, il Governo ha sancito lo stop al Superbonus 110% generalizzato ma, nel Consiglio dei Ministri del 28 dicembre 2023 ha stabilito delle deroghe alla misura per il 2024.

Ovvero:

  • per i cantieri avviati nel rispetto dei termini relativi alla normativa sul “Superbonus 110 %”, il credito d’imposta sarà riconosciuto per tutti i lavori realizzati e asseverati entro il 31 dicembre 2023. Per le opere ancora da effettuare, a partire dal 1° gennaio 2024, si confermano le percentuali previste dalla legislazione vigente (ossia il 70% nel 2024 e il 65% nel 2025);

  • per tutelare i cittadini con redditi più bassi e permettere la conclusione dei cantieri con uno stato di avanzamento non inferiore al 60% entro il 31 dicembre 2023, è previsto un contributo speciale per i percettori di redditi inferiori a 15.000 euro. Questo contributo sarà erogato dall’Agenzia delle entrate e non concorrerà alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi. L’opzione mette in pratica parte di quanto proposto dal Parlamento circa il Superbonus redditi bassi o Ecobonus sociale 2024.

COME FUNZIONA IL SUPERBONUS 2024

La detrazione relativa al Superbonus 2024 può essere fruita solo con la classica detrazione in fase di dichiarazione dei redditi.

I contribuenti possono ripartire in 10 anni le detrazioni derivanti dalle spese sostenute per interventi edilizi rientranti nel Superbonus.

Questa possibilità, che punta ad agevolare la fruizione della detrazione da parte dei contribuenti, decorre a partire dal periodo di imposta 2023, ovvero per le spese effettuate nel 2023 che si possono dedurre in dichiarazione dal 2024.

A QUANTO AMMONTA LA DETRAZIONE

La detrazione Superbonus è pari alle seguenti percentuali:

  • al 70% per le spese sostenute nel 2024;

  • al 65% per le spese sostenute nel 2025.

Il Superbonus è valido nella misura piena del 110 % fino al 31 dicembre 2025 solo per gli interventi effettuati in aree terremotate.

Inoltre, in Consiglio dei Ministri, il 28 dicembre 2023, mediante un Decreto apposito annunciato in questa nota, solo per il 2024 ha previsto le seguenti regole:

  • proroga del credito d’imposta al 110% per i lavori Superbonus asseverati entro il 31 dicembre 2023;

  • per i cantieri con almeno il 60% di avanzamento alla fine del 2023, un contributo speciale dal 1° gennaio 2024 al 31 ottobre 2024, ma solo per coloro con redditi inferiori a 15.000 euro.

Come accennato, dal 17 febbraio 2023 non sono più possibili, in nessun caso, la cessione del credito e lo sconto in fattura.

A CHI SPETTA IL SUPERBONUS 2024

Possono fruire del Superbonus 2024, i seguenti soggetti:

  • condomìni;

  • persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento. Vale anche per i proprietari (o comproprietari con altre persone fisiche) di edifici costituiti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate;

  • Istituti autonomi case popolari (IACP);

  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;

  • ONLUS, associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale;

  • associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

soggetti IRES rientrano tra i beneficiari nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati sulle parti comuni in edifici condominiali. Per soggetti IRES, si intende quelli passivi dell’Imposta sul Reddito delle Società, come per esempio, le società di capitali, gli Enti pubblici e gli enti privati, diversi dalle società e simili.

INTERVENTI AGEVOLABILI

Il Superbonus 2024 è legato al sostenimento di interventi che hanno come scopo l’efficientamento energetico il consolidamento statico o la riduzione del rischio sismico degli edifici, sia che siano trainanti che trainati. L’obiettivo è il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

Gli interventi principali (trainanti) agevolabili ammessi sono:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri;

  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni;

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti;

  • interventi antisismici.

Invece, gli interventi aggiuntivi trainati, cioè quelli eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali sono:

  • interventi di efficientamento energetico;

  • installazione di impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo;

  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici (in questo caso ci riferiamo a un lavoro connesso al Superbonus, differente cioè dal bonus ricarica veicoli elettrici ARERA che vi spieghiamo in questa guida o dal bonus colonnine elettriche privati);

  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche (anche in questo caso, ci riferiamo a un lavoro connesso al Superbonus, differente cioè rispetto alla detrazione fino al 75% connessa, invece al bonus barriere architettoniche che vi spieghiamo nella nostra guida).

COME OTTENERE IL SUPERBONUS NEL 2024

È possibile chiedere il Superbonus nel 2024 con le stesse modalità di sempre, previste dal Decreto Rilancio che lo ha introdotto.

La Legge di Bilancio 2024 e gli altri Decreti approvati sul tema, non hanno modificato le procedure di domanda.

Quindi, per richiedere la detrazione, è necessario inoltrare la richiesta tramite l’apposita sezione del sito istituzionale dell’Agenzia ENEA entro 90 giorni dalla fine dei lavori.

Ecco gli step da compiere:

  • registrarsi e accedere al sistema;

  • inserire i dati anagrafici del beneficiario della detrazione, nonché quelli relativi all’immobile su cui si sono svolti gli interventi;

  • compilare tutti i documenti telematici che dimostrano il miglioramento di almeno due classe energetiche dell’edificio dall’APE (Attestato di Prestazione Energetica);

  • inviare una copia firmata dell’asseverazione riferita agli interventi di efficientamento energetico e una del visto di conformità redatto da un tecnico abilitato.

Una volta verificata la documentazione, si potrà poi procedere alla detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Per conoscere nel dettaglio le procedure necessarie a presentare la richiesta di Superbonus, l’Agenzia delle Entrate aveva pubblicato la guida che potete consultare qui. Vi aggiorneremo non appena arriverà la versione aggiornata al 2024 e le novità sui codici tributo validi.

COME È CAMBIATO IL SUPERBONUS

Attivo dal 1° luglio 2020 e istituito dal Decreto Rilancio convertito in Legge, il Superbonus ha subito diverse modifiche nell’arco degli ultimi anni, culminando nel suo ridimensionamento a partire dal 2023. Infatti, nella sua versione originaria, consisteva in un’agevolazione riconosciuta sotto forma di detrazione fiscale pari al 110 % (ecco perché si parlava di “Superbonus 110 %“) e poteva anche essere fruita come sconto in fattura o cessione del credito a terzi.

Poi, a partire dal 1° gennaio 2023 è sceso al 90% per la generalità dei casi e dei soggetti ammessi all’incentivo, dopo di che il Decreto blocca cessioni convertito in legge ha introdotto un’importante restrizione dal 17 febbraio 2023. Ossia, lo stop alla cessione del credito e allo sconto in fattura.

La Legge di Bilancio 2024 ha infine modificato di nuovo la percentuale della detrazione, che scende dal 1° gennaio 2024 al 70% per le spese sostenute nel 2024. Poi, sarà al 65% per quelle relative al 2025.

LA GUIDA AI BONUS EDILIZI 2024

Mettiamo a vostra disposizione la guida sui bonus edilizi per il 2024, che presenta tutte le nuove informazioni sugli incentivi green previsti a partire dal prossimo 1° gennaio. Da leggere anche la guida ai bonus casa 2024.

RIFERIMENTI NORMATIVI

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a leggere l’articolo sull’Ecobonus sociale 2024 o Superbonus per redditi bassi, nonché i nostri articoli su bonus fotovoltaicoreddito energetico.

Può tornarvi utile infine la nostra guida al bonus prima casa under 36 e l’elenco dei bonus prima casa destinati a tutti, a prescindere dall’età. Per approfondire, può interessarvi anche la guida sul bonus ascensore e quella al bonus stufe e camini.

Per conoscere altri aiuti e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori potete visitare la nostra sezione dedicata agli aiuti alle persone

Vi consigliamo inoltre di iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima. Per seguire Ticonsiglio su Whatsapp, invece, basta cliccare su questo link e iscriversi al nostro canale.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Complimenti davvero! Una domanda: ho trovato solo sul vostro sito il fatto che si può detrarre in 10 anni le spese superbonus del 2023. Ho sempre letto questa possibilità per le spese del 2022 e non per quelle del 2023. È quindi già ufficiale? Grazie ancora!

    • Si lo è in quanto la norma approvata dal Consiglio dei Ministri rinnova direttamente la Legge originaria, cioè il Decreto Rilancio.
      La novità è stata decisa con il Decreto 29 dicembre 2023 n. 212 approvato nel Consiglio dei Ministri del 28 dicembre 2023 e pubblicato sulla Gazzetta Serie Generale n.302 del 29-12-2023. Le consiglio di rifarsi alla normativa per ogni ulteriore dubbio.
      Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *