Riduzione contributiva imprese edili 2022: come funziona

Tutte le indicazioni per ottenere la riduzione contributiva per le imprese edili nel 2022. Ecco a chi spetta, come fare domanda e a quanto ammonta

ingegneri, edilizia, costruzioni

Arrivano le istruzioni INPS per la riduzione contributi per le imprese edili, confermata nel 2022 dopo la prima sperimentazione avvenuta nel 2021.

Si tratta dello sgravio dell’11,50% sulla contribuzione previdenziale e assicurativa prevista per i lavoratori a tempo pieno del settore, ma si attendono ancora le istruzioni operative da parte dell’INPS.

Scopriamo insieme come funziona la riduzione dei contributi del settore edilizia 2022 secondo le indicazioni operative e tecniche fornite dall’INPS.

RIDUZIONE CONTRIBUTIVA IMPRESE EDILI 2022, COS’È

La riduzione contributiva per le imprese edili, prorogata nel 2022, è un’agevolazione destinata alle imprese edili speculare rispetto a quella già avviata nel 2021. È una riduzione pari all’11,50% dei contributi dovuti dai datori di lavoro. Riguarda le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica. Tale riduzione si applica solo a determinati lavoratori.

Il beneficio è stato previsto per la prima volta dalla Legge 244 del 1995. Poi, il Governo ha sancito, con il Decreto Direttoriale del Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero dell’Economia, n. 143 del 2021, la conferma anche per il 2021 della riduzione contributiva, mentre il Decreto 5 settembre 2022 ha prorogato lo sgravio per tutto il 2022. Poi, mentre la circolare INPS n. 181 del 7 dicembre 2021 aveva fornito indicazioni su come richiedere il beneficio per il 2021, è arrivata la Circolare n° 123 del 28-10-2022 con le istruzioni INPS per conoscere termini e scadenze dell’agevolazione per il 2022. Vediamo i dettagli

A CHI SPETTA

L’abbassamento contributivo imprese edili pari all’11,50% spetta ai datori di lavoro edili per i periodi di paga relativi al 2022. Nello specifico, per i periodi di paga da gennaio a dicembre 2022, hanno diritto all’agevolazione contributiva i datori di lavoro classificati nel settore:

  • industria con i codici statistici contributivi da 11301 a 11305;

  • artigianato con i codici statistici contributivi da 41301 a 41305;

  • con i codici ATECO 2007 da 412000 a 439909.

QUALI IMPRESE EDILI SONO ESCLUSE

Sono escluse dalla riduzione contributiva le imprese che si occupano di opere d’installazione d’impianti elettrici, idraulici e altri lavori simili. Ci riferiamo dunque a quelle imprese contraddistinte da:

  • codici ATECO 2007 da 432101 a 432909;

  • codici statistici contributivi 11306, 11307, 11308, 41306, 41307, 41308, sempre accompagnati dai codici di autorizzazione 3N e 3P.

REQUISITI

I requisiti per accedere al beneficio sono:

  • regolarità contributiva;

  • rispetto delle disposizioni contrattuali in materia di retribuzione imponibile;

  • assenza di condanne passate in giudicato per la violazione della normativa in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio precedente.

La riduzione contributiva non spetta per i rapporti di lavoro che danno diritto ad agevolazioni contributive ad altro titolo. Ovvero, quelle che non ammettono il cumulo con altre riduzioni.

PER QUALI LAVORATORI È APPLICABILE L’AGEVOLAZIONE?

Il beneficio consiste in una riduzione sui contributi dovuti, nella misura dell’11,50%, per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica. Si applica agli operai occupati per 40 ore a settimana. Vale anche per i soci lavoratori delle società cooperative. Non spetta, però ai lavoratori:

  • a tempo parziale;

  • con contratto intermittente;

  • con contratti di solidarietà;

  • per i quali sono previste altre agevolazioni contributive.

RIDUZIONE CONTRIBUTIVA IMPRESE EDILI 2022, SCADENZA DOMANDE

I datori di lavoro potranno inviare le domande per l’applicazione della riduzione contributiva per il settore edilizia, relativa al 2022, entro la scadenza del 15 febbraio 2022. Per l’anno 2021, la scadenza era stata fissata al 15 marzo 2022.

COME PRESENTARE DOMANDA PER LO SGRAVIO NEL SETTORE EDILIZIA

Le istanze per chiedere l’applicazione della riduzione contributiva imprese edili dell’11,50% relativamente all’anno 2022 dovranno essere inviate esclusivamente in via telematica sul sito INPS. Secondo le istruzioni dell’INPS arrivate con la Circolare n° 123 del 28-10-2022, anche per l’anno 2022 si potrà usare il modulo “Rid-Edil”, disponibile all’interno del Cassetto previdenziale aziende del sito internet dell’Istituto. Si trova nella sezione “Comunicazioni online”, funzionalità “Invio nuova comunicazione”.  Le domande saranno sottoposte a controllo automatizzato da parte dell’Istituto circa la compatibilità dell’inquadramento aziendale e verranno definite entro il giorno successivo l’invio. Dunque:

  • in caso positivo, sarà attribuito alla posizione contributiva interessata il codice di autorizzazione 7N, per il periodo da ottobre 2022 a gennaio 2023. L’esito sarà visualizzabile all’interno del Cassetto previdenziale aziende. In ogni caso lo sgravio si riferirà al periodo che va da gennaio a dicembre 2022;

  • se la verifica darà esito negativo le strutture territorialmente competenti, oltre alla dovuta attivazione nei riguardi dell’Autorità Giudiziaria, procederanno al recupero delle somme.

COME OTTENERE LO SGRAVIO FISCALE

Seguendo le indicazioni della Circolare n° 123 del 28-10-2022, i datori di lavoro autorizzati potranno esporre la riduzione contributiva nel flusso Uniemens con le seguenti modalità:

  • il beneficio corrente potrà essere esposto, a decorrere dal flusso di competenza ottobre 2022, con il codice causale L206 nell’elemento <AltreACredito> di <DatiRetributivi>;

  • per il recupero degli arretrati relativi all’anno 2022 dovrà essere utilizzato il codice causale L207, nell’elemento <AltrePartiteACredito> di <DenunciaAziendale>.

Nei casi di matricole sospese o cessate, il datore di lavoro interessato a recuperare lo sgravio per i mesi antecedenti la sospensione o la cessazione dovrà inoltrare l’istanza avvalendosi della funzionalità “Contatti” del Cassetto previdenziale del contribuente, allegando una dichiarazione conforme a questo fac-simile. La Struttura territorialmente competente, verificata la spettanza del beneficio, attribuirà il codice di autorizzazione 7N all’ultimo mese in cui la matricola era attiva. I datori di lavoro autorizzati alla riduzione contributiva, secondo la modalità descritta, ai fini della fruizione del beneficio spettante, dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (UniEmens/vig).

Per gli operai non più in forza, i datori di lavoro potranno fruire del beneficio valorizzando nella sezione individuale del primo flusso Uniemens utile gli stessi elementi previsti per gli operai ancora in forza. Ovviamente non saranno valorizzate le settimane, i giorni retribuiti e il calendario giornaliero. Sarà, invece, valorizzato l’elemento <TipoLavStat> con il codice NFOR, che contraddistingue gli operai non più in carico presso l’azienda. Il beneficio potrà essere fruito avvalendosi delle denunce contributive Uniemens fino al mese di competenza gennaio 2023.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Decreto Direttoriale del Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero dell’Economia, n. 143 del 2021 (Pdf 231 Kb);
Circolare INPS n. 181 del 7 dicembre 2021 (Pdf 338 Kb);
Decreto 5 settembre 2022 (Pdf 121 Kb);
Circolare n° 123 del 28-10-2022 (Pdf 235 Kb).

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Per conoscere tutte le agevolazioni a favore dei datori di lavoro è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese. Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti