Buono scuola Lombardia 2022 2023 per sostegno retta: come funziona

scuola, banchi, classe, insegnare, aula

Dal 24 novembre 2022 sono aperte le domande per il buono scuola Lombardia 2022 2023, il contributo a fondo perduto a sostegno delle rette per scuole paritarie o pubbliche con sede in Lombardia o in regioni confinanti.

Si tratta di Dote Scuola – Buono Scuola, un aiuto per un valore minimo di 300 euro fino ad un massimo di 2.000 euro da parametrare in base all’ISEE. È riconosciuto a supporto delle rette della scuola primaria e secondaria di 1° o di 2° grado.

In questa guida vi spieghiamo cosa prevede il bando buono scuola Lombardia 2022 2023, a chi spetta il contributo e come funziona questa agevolazione concessa alle famiglie del territorio lombardo.

BUONO SCUOLA LOMBARDIA 2022 2023, COS’È

“Buono scuola”  è un contributo per sostenere le rette di iscrizione e frequenza per i percorsi di istruzione. È rivolto alle famiglie degli studenti minori di 21 anni residenti in Lombardia che frequentano una scuola paritaria o statale, primaria, secondaria di 1° o di 2° grado, con sede nella Regione o in quelle confinanti. Buono scuola, tra l’altro, fa parte del pacchetto “Dote Scuola Lombardia” che prevede diversi aiuti per le famiglie che hanno figli in età scolare, dal sostegno per l’acquisto dei libri a borse di studio per i più meritevoli.

Buono scuola Lombardia è stato introdotto nel 2021 dalla Delibera della Giunta Regionale XI / 4644 del 3 maggio 2021 e approvato in seconda edizione, per le domande 2022 2023, dal Decreto Regionale 16619 del 18 novembre 2022. La dotazione complessiva del Bando Buono scuola 2022 2023 è di 24 milioni di euro ed è possibile presentare domanda dalle 12.00 del 24 novembre 2022 ed entro le 12.00 del 21 dicembre 2022. Ma vediamo insieme i dettagli del bando.

A CHI SPETTA

Possono beneficiare del buono scuola gli studenti residenti in Lombardia, iscritti e  frequentanti corsi di istruzione a gestione ordinaria presso le scuole primarie, secondarie di 1°e di 2° grado. Gli studenti devono frequentare scuole, paritarie o statali, che richiedano retta di iscrizione e frequenza e che abbiano sede in Lombardia o nelle Regioni confinanti, purché lo studente rientri quotidianamente alla propria residenza. In particolare, per accedere al contributo devono ricorrere le seguenti condizioni:

  • il richiedente deve  essere in possesso di un valore ISEE, in corso di validità all’atto di presentazione della domanda, non superiore a 40.000 euro;

  • lo studente non deve aver compiuto, al momento di presentazione della domanda, i 21 anni di età.

A QUANTO AMMONTA IL BUONO

Come anticipato, il valore del Buono Scuola è determinato in relazione alla fascia ISEE, ma incide anche l’ordine e grado di scuola frequentata. Questi gli importi riconosciuti in base a queste regole:

  • con ISEE fino a 8.000 euro, il contributo è pari a 700 euro per chi frequenta la scuola primaria, pari a 1.600 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 1° grado e pari a 2.000 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 2° grado;

  • con ISEE da 8.000,01 a 16.000 euro, il contributo è pari a 600 euro per chi frequenta la scuola primaria, pari a 1.300 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 1° grado e pari a 1.600 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 2° grado;

  • con ISEE da 16.000,01 a 28.000 euro, il contributo è pari a 450 euro per chi frequenta la scuola primaria, pari a 1.100 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 1° grado e pari a 1.400 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 2° grado;

  • con ISEE da 28.000,01 a 40.000 euro, il contributo è pari a 300 euro per chi frequenta la scuola primaria, pari a 1.000 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 1° grado e pari a 1.300 euro per chi frequenta la scuola secondaria di 2° grado.

COME FUNZIONA BUONO SCUOLA LOMBARDIA 2022 2023

Come abbiamo visto, buono Scuola Lombardia 2022 2023 nasce per abbattere le spese per la retta scolastica. Gli importi sono erogati sotto forma di buoni virtuali da utilizzare online entro la scadenza inderogabile del 30 giugno 2023, a favore della scuola frequentata. L’agevolazione viene concessa mediante una procedura valutativa a sportello e non si configura come “Aiuto di Stato”, in quanto le risorse pubbliche sono destinate esclusivamente a persone fisiche.

Una volta ricevute le domande, la Regione effettua una procedura valutativa a graduatoria ma l’assegnazione dei contributi è subordinata alla effettiva disponibilità delle risorse. Una volta verificata l’ammissibilità della domanda, l’Ente conclude l’istruttoria seguendo i criteri previsti dal paragrafo C3 del Bandoentro 120 giorni dal termine di presentazione delle domande, ovvero dal 21 dicembre 2022.

Nel caso in cui l’importo complessivo delle domande ammissibili risulti superiore allo stanziamento previsto, i contributi assegnati a richiedenti con ISEE superiore a 16.000 euro potranno essere rimodulati in misura proporzionale. Rimangono garantiti per intero i contributi destinati a studenti frequentati la scuola primaria.

SPESE AMMISSIBILI

Il contributo concorre alla copertura delle spese relative alle sole attività curricolari riconducibili a percorsi ordinamentali di istruzione. Non sono, invece, ammissibili, a titolo esemplificativo:

  • le spese di vitto ed alloggio;

  • le spese straordinarie;

  • le spese relative ad attività extracurricolari, di ampliamento dell’offerta formativa;

  • le spese relative a scuole serali, per il recupero anni scolastici, di educazione parentale, corsi all’estero.

I buoni virtuali devono essere spesi entro il 30 giugno 2023, a favore della scuola frequentata. Il Buono Scuola è spendibile presso l’istituzione scolastica in cui lo studente termina l’anno scolastico
2022 2023. Inoltre, è riferito alla frequenza dell’intero anno scolastico e non può essere frazionato. Il valore del Buono Scuola non può superare l’entità della spesa effettivamente sostenuta per il pagamento della retta di iscrizione e frequenza. Pertanto, i valori possono essere riparametrati in tal senso.

COME PRESENTARE DOMANDA

La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma regionale Bandi online dalle 12:00 del 24 novembre 2022 ed entro le 12:00 del 21 dicembre 2022. Allo scopo il richiedente deve registrarsi sulla piattaforma Bandi online, attraverso l’autenticazione al sistema, utilizzando:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi) con PIN personale e lettore della Carta;
  • CIE (Carta d’Identità Elettronica) con PIN personale e lettore della Carta.

Negli ultimi due casi, la piattaforma è accessibile anche con lo smartphone dotato di interfaccia NFC e dell’app “Cie ID” oppure con l’accesso al servizio da computer e per la lettura della CIE, in luogo del lettore di smart card contactless. L’istanza va presentata tramite autocertificazione, cioè non è richiesta nessuna documentazione. La domanda Buono Scuola può essere presentata da uno dei genitori o altri soggetti che rappresentano lo studente beneficiario. Lo studente maggiorenne può presentare personalmente la domanda, dichiarando la sussistenza dei requisiti descritti, compreso il valore ISEE della propria famiglia non superiore a 40.000 euro.

ASSISTENZA ALLA DOMANDA

Qualsiasi informazione relativa ai contenuti del Bando e agli adempimenti connessi potrà essere richiesta a:

  • Ufficio Istruzione e Diritto allo studio: [email protected];
  • numero unico Dote Scuola 02 67650090 attivo dal lunedì al giovedì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 16.30, il venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30.

Per le richieste di assistenza alla compilazione on line e per i quesiti di ordine tecnico sulle procedure informatizzate è possibile contattare il Call Center di ARIA S.p.A. al numero verde 800.131.151 operativo da lunedì al sabato, escluso i festivi, dalle ore 8.00 alle ore 20.00 per i quesiti di ordine tecnico. Invece, dalle ore 8.30 alle ore 17.00 per le richieste di assistenza tecnica.

BANDO BUONO SCUOLA REGIONE LOMBARDIA 2022 2023

Per maggiori informazioni è possibile consultare il testo integrale del bando (Pdf 359 Kb).

LE ALTRE MISURE DI DOTE SCUOLA LOMBARDIA

Ricordiamo che “Dote Scuola” è un insieme di misure previste dalla Regione Lombardia, che puntano a sostenere economicamente le famiglie e il percorso educativo di studenti e studentesse dai 3 ai 21 anni. Si rivolge agli studenti residenti in Lombardia e frequentanti corsi ordinari di istruzione o corsi di istruzione e formazione professionale (IeFP). Prevede borse di studio, voucher per l’acquisto di materiale didattico, rimborsi per le rette scolastiche. In particolare, Dote Scuola contempla, oltre a Buono Scuola, anche

  • dote merito, un riconoscimento erogato sotto forma di contributo economico rivolto agli studenti lombardi “eccellenti” del valore di 500 o di 1500 euro, a seconda del percorso formativo in corso o concluso. Come vi spieghiamo in questo articolo, è possibile presentare domanda dalle 12.00 del 29 novembre 2022 alle 12.00 del 19 gennaio 2023;

  • sostegno disabili: a parziale copertura del costo del personale insegnante impegnato in attività didattica di sostegno presso scuole dell’infanzia autonome, non statali e non comunali, e scuole paritarie (primarie e secondarie di primo e secondo grado). La misura per l’anno scolastico 2021 2022 è scaduta il 29 settembre 2022;

  • materiale didattico, ovvero contributi per l’acquisto di libri di testo, dotazioni tecnologiche e strumenti per la didattica. La misura per l’anno scolastico 2021 2022 è scaduta il 12 luglio 2022;

RIFERIMENTI NORMATIVI

Delibera di Giunta Regionale XI / 4644 del 3 maggio 2021 (Pdf 164 Kb);

Decreto Regionale 16619 del 18 novembre 2022 (Pdf 359 Kb).

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Per conoscere altri aiuti, bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori potete visitare la nostra sezione dedicata agli aiuti alle persone. Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti