Come bloccare la Carta risparmio spesa in caso di smarrimento o sottrazione: contatti e numeri utili

Come comportarsi in caso di smarrimento o furto della Carta risparmio spesa e come fare per bloccare la Postepay, ecco le istruzioni

poste italiane stabilizzazioni CTD
Photo credit: Cineberg / Shutterstock
adv

Se volete sapere come bloccare la Carta risparmio spesa in caso di smarrimento o sottrazione della Card, dovete seguire passo dopo passo le istruzioni di Poste Italiane.

Ovvero, il titolare o l’utilizzatore deve provvedere a chiedere immediatamente il blocco della Postepay “Dedicata a te” chiamando i numeri utili ufficiali.

In questa guida vi spieghiamo come fare per bloccare la Carta risparmio spesa 2023 e quali sono i contatti ufficiali da usare.

PERCHÈ BLOCCARE LA CARTA RISPARMIO SPESA

Se avete smarrito o vi hanno sottratto la Carta risparmio spesa dovete bloccarla per impedire che qualcuno posso spendere il credito restante del contributo di 382,5 euro di cui siete destinatari.

In questi casi, è necessario che il titolare o l’utilizzatore provveda a chiedere immediatamente il blocco della Carta acquisti solidale. Poste Italiane chiarisce nel dettaglio a quali numeri rivolgersi e come fare per bloccare la Carta “Dedicata a te”. Vediamo insieme come si blocca la carta smarrita o sottratta e chi può attivare la procedura.

CHI PUÒ BLOCCARE LA CARTA

Il titolare o l’utilizzatore può procedere al blocco della Carta risparmio spesa secondo le indicazioni fornite da Poste Italiane.

Viene chiamato “titolare” della Carta “Dedicata a te” chi risulta esserne il beneficiario nella lista dei beneficiari della carta risparmio spesa. Si tratta di colui o colei che ha presentato la DSU ISEE 2023 e ha avuto diritto alla misura in quanto rientra nei requisiti per ottenere la Carta (ISEE sotto i 15.000 euro e nucleo familiare numeroso). È quindi il soggetto corrispondente al numero di protocollo DSU ISEE riportato nell’elenco che i Comuni hanno fornito a Poste Italiane.

Al contempo però, oltre al titolare, la card può essere usata anche da un “utilizzatore”. Ovvero, dai soggetti che dimostrino di disporre dei requisiti giuridici soggettivi di soggetti delegati dai titolari, o nominati dal giudice tutelare a compiere atti riguardanti questi ultimi, a usare il beneficio economico a questi riconosciuto.

Sia il titolare che l’utilizzatore possono attivare la procedura per bloccare la Carta “Dedicata a te” che vi spieghiamo di seguito.

adv

COME BLOCCARE LA CARTA RISPARMIO SPESA

Per bloccare la Carta risparmio spesa in caso di smarrimento o sottrazione bisogna telefonare dall’Italia al numero gratuito 800.210.170 o dall’estero al numero +39.06.4526.3322 (il costo della chiamata dall’estero è determinato in base al piano tariffario dell’operatore).

Un volta in contatto con l’operatore, il titolare o utilizzatore della Carta dovrà fornire gli elementi richiesti per procedere al blocco della Carta e segnarsi il numero di blocco che nel corso della telefonata l’operatore comunicherà, ovvero il numero della pratica che potrebbe ritornare utile in caso di riattivazione di una nuoca card.

Occorre, altresì, che il cittadino presenti tempestivamente denuncia all’Autorità Giudiziaria o di Pubblica Sicurezza. A quel punto soltanto, si può proseguire e ottenere una nuova card. Scopriamo come.

COSA FARE DOPO IL BLOCCO DELLA CARTA SMARRITA O SOTTRATTA

Dopo il blocco della Carta risparmio spesa (persa o sottratta) il titolare o utilizzatore può effettuare, presso qualsiasi Ufficio Postale la richiesta di una nuova card. Come? Compilando e sottoscrivendo l’apposito modulo. Al modulo che contiene informazioni anagrafiche, bisogna allegare:

  • la denuncia presentata all’Autorità Giudiziaria o di Pubblica Sicurezza;

COSA FARE IN CASO DI SMAGNETIZZAZIONE DELLA CARTA

Si può richiedere presso gli Uffici Postali la sostituzione della Carta risparmio spesa con questo modulo, anche in caso di smagnetizzazione, deterioramento o difettoso funzionamento della stessa. In tali ipotesi si è tenuti a restituire la Carta, non serve bloccarla. Anche in questo caso, l’eventuale saldo residuo disponibile sarà trasferito sulla nuova Postepay.

adv

COME FUNZIONA LA CARTA SOSTITUTIVA

Nelle Postepay sostitutiva viene trasferito l’eventuale saldo residuo disponibile, ma solo dopo la consegna presso l’Ufficio Postale dei moduli e dei documenti richiesti.

La nuova Carta “Dedicata a te” è sempre a uso personale, ma avrà un PIN differente che vi verrà consegnato in busta a parte o vi verrà inviato a casa. Come vi abbiamo spiegato in questo approfondimento, ricordate che il codice serve per usare la Carta, anche per il controllo del saldo e dei movimenti.

Se non ricevete la busta con il PIN, se l’avete danneggiata o se avete dimenticato il codice, potete chiederne il duplicato, con questo modulo (Pdf 13 Kb). Invece, se avete il PIN, potete usare la Card verificando quanto dura la Carta risparmio spesa che vi hanno dato in sostituzione e spendendo il credito presso i negozi convenzionati con Carta risparmio spesa.

ASSISTENZA PER BLOCCARE LA CARTA

Per maggiori dettagli, vi consigliamo di leggere l’informativa sull’utilizzo della Carta Dedicata a Te (Pdf). Se avete bisogno di assistenza da Poste Italiane per l’uso della carta o per il suo blocco, potete scrivere da questa pagina o recarvi in qualsiasi Ufficio Postale e chiedere informazioni.

LA GUIDA ALLA CARTA RISPARMIO SPESA

Vi consigliamo di leggere la guida aggiornata sulla Carta Risparmio Spesa in cui vi spieghiamo in modo dettagliato cos’è, come funziona, a chi spetta e come ottenerla.

INTERESSANTI APPROFONDIMENTI CORRELATI

Per approfondire le novità sui concorsi vi consigliamo la lettura delle nostre guide su:

ALTRI AGGIORNAMENTI

In questo articolo invece vi spieghiamo come il Comune di Palermo ha deciso di gestire le comunicazioni per il ritiro. Potete consultare anche:

Invece, tra gli altri aiuti interessanti attivi per le famiglie vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento sul Reddito alimentare e quello su come funziona e a chi spetta la Carta acquisti, mentre in questo articolo vi spieghiamo qual è la differenza con la carta “Dedicata a te”. Vi consigliamo la lettura del nostro articolo che spiega cos’è e come funziona la nuova carta di inclusione. Queste misure si aggiungono ai bonus famiglia 2023.

Per scoprire altre interessanti novità sugli aiuti alle famiglie e ai lavoratori, consultate questa sezione. Vi ricordiamo che è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *