Modifica Codice comportamento dipendenti pubblici 2023

Cosa prevede il nuovo schema di Decreto approvato dal Governo con le modifiche al Codice di comportamento dei dipendenti della Pubblica Amministrazione

lavoro pubblico, assunzioni, pubblica amministrazione, dipendenti

Cambia il Codice comportamento dipendenti pubblici, grazie alla modifica introdotta dal Consiglio dei Ministri del 1° dicembre 2022, sul testo che contiene le regole da seguire per chi lavora nellla Pubblica Amministrazione.

Tra le novità introdotte al Codice vi sono il divieto di discriminazioni basate sulle condizioni personali, i criteri di misurazione della performance e la responsabilità dei dirigenti per la crescita dei propri collaboratori, l’adozione di comportamenti green rispettosi dell’ambiente e norme più severe sull’utilizzo dei social media da parte dei dipendenti PA.

In questo articolo vi spieghiamo in modo chiaro e dettagliato cosa cambia con le modifiche al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici introdotte dal Governo e tutte le novità introdotte.

CODICE COMPORTAMENTO DIPENDENTI PUBBLICI, COSA CAMBIA

Al via il regolamento con le modifiche al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici. Il nuovo documento modifica il Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62 e introduce il vademecum per chi lavora nelle PA. La norma era stata già modificata con il Decreto PNRR 2 dal precedente Governo. Poi, nel Consiglio dei Ministri del 1° dicembre 2022, su proposta del Ministro per la Pubblica Amministrazione Paolo Zangrillo, sono arrivate altre novità in linea con gli elementi costitutivi della Milestone M1C1-58, del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), di riforma della Pubblica amministrazione. La riforma deve essere conclusa entro la scadenza del 1° semestre del prossimo anno, ovvero entro il 30 giugno 2023.

Per la precisione, lo schema di Decreto approvato dal Governo adegua il Codice vigente del 2013 al nuovo contesto socio lavorativo e alle esigenze di maggiore tutela dell’ambiente, del principio di non discriminazione nei luoghi di lavoro e a quelle derivanti dall’evoluzione e dalla maggiore diffusione di internet e dei social media. Scopriamo insieme quali sono le modifiche al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici approvate dal Consiglio dei Ministri.

PIÙ CONTROLLI SULL’USO DEI SOCIAL NETWORK NELLE PA

Le modifiche apportate al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici mirano, in primo luogo, a garantire un uso più consapevole delle tecnologie informatiche per chi lavora nelle PA. Le norme introdotte al Codice disciplinano l’utilizzo delle tecnologie informatiche. Tra le novità introdotte vi è la facoltà per l’Amministrazione di svolgere gli accertamenti necessari a verificare il corretto utilizzo dei social network e delle tecnologie informatiche, nonché a a garantire la sicurezza degli stessi sistemi informatici. I controlli dovranno essere fatti nel pieno rispetto della tutela della privacy dei dipendenti. Come già chiarito nel testo del Decreto PNRR 2 convertito in Legge, lo scopo di questa misura è anche quello di tutelare l’immagine della Pubblica Amministrazione. Questa misura è stata definita dai media come un nuovo “galateo social” per i dipendenti delle PA.

OBBLIGO PER I DIPENDENTI DI TUTELARE L’AMBIENTE

Le modifiche al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici prevedono un nuovo obbligo di comportamento per i dipendenti conformato al rispetto dell’ambiente. I dipendenti dovranno mettere in campo ogni azione utile alla riduzione del consumo energetico, della risorsa idrica e, più in generale, dei materiali e delle risorse fornite dall’Amministrazione per l’assolvimento dei propri compiti. Attenzione particolare deve essere garantita dai dipendenti delle PA anche per la riduzione dei rifiuti e per il loro riciclo.

NORME PIÙ SEVERE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Il nuovo Codice di comportamento modificato dal Consiglio dei Ministri vieta le discriminazioni, precisando che il dipendente è obbligato a conformare la condotta sul luogo di lavoro al rispetto della personalità, della dignità e dell’integrità fisica e psichica degli altri dipendenti. Inoltre, in tema di rapporti con il pubblico, si prevede un comportamento idoneo alla soddisfazione dell’utente.

NUOVE LINEE GUIDA PER I DIRIGENTI PA

Relativamente ai dirigenti, con le modifiche al Codice dei dipendenti PA, il Governo specifica dei nuovi canoni della condotta interna ed esterna in termini di integrità, imparzialità, buona fede e correttezza, parità di trattamento, equità, inclusione e ragionevolezza. La norma introduce anche il dovere dei dirigenti di cura e formazione dei collaboratori. Si tratta, cioè, di una nuova responsabilità attribuita al dirigente per la crescita professionale dei collaboratori, per favorirne le occasioni di formazione e le opportunità di sviluppo. Inoltre, il Ministero specifica l’espressa previsione della misurazione della performance dei dipendenti anche sulla base del raggiungimento dei risultati e del loro comportamento organizzativo.

RESTA L’OBBLIGO DI FORMAZIONE SULL’ETICA PUBBLICA

Lo schema di Decreto sulle modifiche al Codice di comportamento dei dipendenti pubblici conferma, infine, lo svolgimento di un ciclo formativo, la cui durata e intensità saranno proporzionate al grado di responsabilità, sui temi dell’etica pubblica e sul comportamento etico nelle Pubbliche Amministrazioni. Questa misura era stata introdotta dal Decreto PNRR 2 convertito in Legge ed è stata integrata nel nuovo testo in corso di pubblicazione, approvato dal CdM del 1° dicembre 2022.

QUANDO ENTRERÀ IN VIGORE

Le modifiche apportate al Codice comportamento dipendenti pubblici mediante lo schema di Decreto approvato dal Consiglio dei Ministri del 1° dicembre 2022 – spiegato in questa nota e nel comunicato ufficiale del Ministero – saranno recepite entro il 30 giugno 2023 con apposito Decreto del Presidente della Repubblica, da pubblicare in Gazzetta Ufficiale. Il nuovo Codice entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione. Vi aggiorneremo quando l’atto definitivo, attualmente all’esame preliminare, sarà pubblicato in GU.

IL TESTO PDF DEL CODICE COMPORTAMENTO DIPENDENTI PUBBLICI

Mettiamo a vostra disposizione il testo attualmente vigente del Codice comportamento dipendenti pubblici, ovvero il Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62 (Pdf 92 Kb), recante “Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell’articolo 54 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165”. Segnaliamo inoltre il comunicato ufficiale del Consiglio dei Ministri del giorno 1 Dicembre 2022 che anticipa le modifiche legate al codice di comportamento per i dipendenti pubblici. Vi aggiorneremo appena sarà disponibile il testo modificato del codice comportamentale.

ALTRI APPROFONDIMENTI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a leggere l’approfondimento sulle assunzioni nella Pubblica Amministrazione previste nel 2022 e 2023. In questa guida, invece, vi spieghiamo come sono cambiati i concorsi pubblici e le assunzioni nella PA con il Decreto PNRR 2 e il testo convertito in Legge. Inoltre, per conoscere tutte le selezioni pubbliche in atto e scaricare i relativi bandi vi invitiamo a consultare la nostra sezione dedicata ai concorsi pubblici. Per conoscere le anticipazioni sui bandi in uscita è disponibile invece la nostra pagina con i prossimi concorsi in arrivo.

Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti