Come licenziarsi e lasciare il tuo lavoro

Alcuni preferiscono lasciare il lavoro per stress, altri invece puntano a un miglioramento della propria condizione. Vuoi puntare su dimissioni e inizio del nuovo lavoro, ma prima devi capire esattamente come funziona il licenziamento.

come licenziarsi

Capire come licenziarsi è importante per diversi motivi. In primo luogo c’è una necessità strategica perché non è mai una buona idea abbandonare il posto di lavoro in cattivi rapporti. E con il malumore di superiori o proprietari.

Ci sono dei vincoli contrattuali e delle regole da rispettare, che servono anche per ottenere degli ammortizzatore sociali come la disoccupazione.

Anche se le dimissioni sono legate al bisogno di cambiare lavoro per motivi personali o professionali (stress, malessere, voglia di crescere e trovare un lavoro migliore) ci sono delle regole più o meno vincolanti da seguire. In questa utile guida ti spieghiamo come licenziarsi e dare le dimissioni in modo ufficiale.

COME LICENZIARSI IN BASE AL CONTRATTO

Il primo punto da affrontare quando vuoi capire in che modo dare le dimissioni è conoscere la normativa che regola il tuo rapporto di lavoro, perché non tutti i licenziamenti sono uguali.

Molto cambia dal tipo di contratto che hai con l’azienda, l’imprenditore, il datore di lavoro. Cosa devi sapere per muoverti a norma di legge?

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

Questo tipo di contratto, come suggerisce il nome stesso, è legato a un periodo di tempo limitato. Di conseguenza ci sono delle clausole molto rigide che impongono l’assenza di preavviso ma anche di recesso anticipato.

Un contratto a tempo determinato ha già, in sé, una data di termine e potrebbero esserci delle penali per chi decide di anticipare questo passaggio. Ciò può essere superato solo in due casi, se escludiamo la normale recessione del contratto durante il periodo di prova.

  1. Dimissioni per giusta causa dal posto di lavoro.
  2. Dimissioni volontarie per comune volontà delle parti.

La prima opzione impone la presenza di un fatto grave che suggerisce al lavoratore di allontanarsi dal posto di lavoro, in alternativa potrebbe essere necessario un risarcimento al datore di lavoro che si troverebbe in difficoltà senza un dipendente. Terza opzione, la più vantaggiosa: il comune accordo.

Se il lavoratore ha deciso di lasciare il posto perché ha avuto una buona occasione, o se entrambe le parti si rendono conto che si può fare a meno rispettivamente, può esserci uno scioglimento consensuale e pacifico.

CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

A differenza del primo caso, è possibile licenziarsi da un contratto di lavoro a tempo indeterminato senza giusta causa e giustificazioni. Ma ci sono alcune regole da rispettare relativamente ai tempi e alla forma.

DIMISSIONI VOLONTARIE: QUANTO PREAVVISO DARE?

I modi e i termini del preavviso per le dimissioni volontarie relative ad un contratto di lavoro a tempo indeterminato sono stabilite dai contratti collettivi di lavoro. Ciò significa che per sapere quanti giorni o mesi di preavviso sono richiesti devi leggere il tuo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL). Il preavviso varia generalmente in base al livello, alla qualifica e all’anzianità di servizio del lavoratore.

COSA SUCCEDE SE NON DO PREAVVISO DI LICENZIAMENTO?

Il lavoratore che decide di dare le dimissioni senza preavviso, mettendo così in difficoltà l’azienda a causa dell’inaspettata assenza, rinuncerà ad un importo corrispondente alla retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso. Questa cifra verrà trattenuta direttamente in busta paga dal datore di lavoro.

COME DARE LE DIMISSIONI ONLINE

Come fare per dare le dimissioni volontarie? Dal 2016 ogni dimissione con contratto di lavoro subordinato in aziende private deve essere effettuata attraverso procedura telematica. Se vuoi procedere in autonomia hai bisogno del PIN dispositivo dell’INPS o SPID. Tutti i passaggi possono essere completati sul portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Una volta inseriti i dati, puoi salvare in formato PDF. Poi hai la possibilità di inviare tutto al datore di lavoro. Questo processo può essere effettuato in autonomia o grazie il contributo di patronati o sindacati. Per maggiori informazioni leggi l’utile guida sulle dimissioni online dove trovi le indicazioni per realizzare l’intera procedura.

Come dare le dimissioni online
Un passaggio del percorso di dimissioni online.

COME LICENZIARSI: LETTERA DI DIMISSIONI

Se non hai un contratto di lavoro subordinato (a tempo determinato o indeterminato) presso un’azienda privata ma hai un’altra forma contrattuale (es. co.co.co, tirocinio) oppure ti trovi ancora nel periodo di prova o lavori nel settore pubblico, in quello marittimo o hai un lavoro domestico, dovrai utilizzare il modulo lettera di dimissioni in formato cartaceo.

Questo modello ti permette di comunicare ufficialmente la tua intenzione di lasciare il posto di lavoro. Ecco degli utilissimi esempi di lettera di dimissioni da scaricare e utilizzare.

COME REVOCARE LE PROPRIE DIMISSIONI

Sempre secondo il decreto legislativo 151, chi invia una richiesta di dimissione può richiedere l’annullamento con le stesse modalità. Questo può servire in caso di ripensamenti.

Come procedere? Chi ha usato il modulo online procede attraverso i metodi telematici sempre presenti sul sito www.lavoro.gov.it. Se procedi solo con lettera di dimissioni tradizionale puoi revocare sempre con la stessa procedura. La revoca delle dimissioni deve essere effettuata entro 7 giorni dalla data di trasmissione delle stesse.

PERCHÉ LASCIARE IL POSTO DI LAVORO?

Il licenziamento è l’atto pratico di un diritto inalienabile: lasciare il proprio impiego dando dimissioni ufficiali. Trovare un posto di lavoro è importante, anche difficile, ma tutto può interrompersi in modo più o meno pacifico.

Oppure il lavoratore può rendersi conto che l’impegno necessario non è adeguato alle sue competenze, o magari non abbastanza gratificante. Tanti sono i motivi per ufficializzare le dimissioni, ecco qualche esempio.

  • Stress.
  • Guadagno.
  • Famiglia.
  • Carriera.

Una persona può decidere di lasciare il proprio lavoro e licenziarsi per molti motivi. Ad esempio perché non è più in grado di affrontare gli impegni, oppure ha trovato una nuova offerta di lavoro vantaggiosa.

Migliorare la condizione per fare carriera e trovare un impiego in grado di assicurare uno stipendio migliore o maggiori opportunità di carriera.

Ma un principio deve essere sempre rispettato: mai chiudere definitivamente la porta e tagliare i rapporti in modo brusco con i vecchi datori di lavoro. Vuoi licenziarti per cambiare impiego? Lo puoi fare ed è tuo diritto farlo.

Seguire le regole è importante per avere sempre il favore delle persone che ti hanno dato un’opportunità. Questo è utile anche per avere buone referenze da comunicare ai nuovi datori di lavoro nel curriculum vitae.

COME LICENZIARSI, APPROFONDIMENTI E NORMATIVE

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments