Piemonte: Bando 2024 digitalizzazione ed efficientamento imprese

Tutte le informazioni sul Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento della Regione Piemonte per sostenere le imprese con contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.

Palazzo, Regione Piemonte
Photo credit: massimo1g / Shutterstock
adv

Fino al 31 luglio 2024 in Piemonte è possibile presentare domanda per il Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento per le imprese indetto dalla Regione.

È stata infatti prorogata la data di chiusura dello sportello, inizialmente fissata al 31 gennaio 2024.

La misura concede contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per coprire, anche fino al 100%, le spese di progetti per digitalizzare e rendere più efficienti i processi produttivi.

In questa guida vi spieghiamo come fare domanda per il Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento imprese in Piemonte e forniamo tutte le informazioni utili.

BANDO 2024 DIGITALIZZAZIONE ED EFFICIENTAMENTO IMPRESE IN PIEMONTE

Con la pubblicazione del Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento produttivo delle imprese in Piemonte è stato dato il via all’agevolazione regionale riservata a PMI e a imprese e piccole imprese a media capitalizzazione attive sul territorio della regione.

Nello specifico, tale agevolazione consiste nell’erogazione di un incentivo volto a coprire, con contributi a fondo perduto o finanziamenti agevolati, fino al 100% dei costi sostenuti dalle aziende per attuare programmi di investimento per digitalizzazione o l’efficientamento produttivo.

Nello specifico, gli investimenti che possono beneficiare degli incentivi devono essere finalizzati a:

  • realizzare prodotti maggiormente sostenibili;

  • rendere i processi produttivi più efficienti, anche dal punto di vista energetico, ambientale e dell’utilizzo delle risorse;

  • incrementare i livelli di sicurezza sul luogo di lavoro al di sopra degli standard di legge.

COME FUNZIONA

Il Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento Piemonte concede 2 tipologie di agevolazioni, a seconda del tipo di impresa interessata.

Nello specifico:

  • per le PMI l’agevolazione prevede una quota di finanziamento per il 70% a tasso zero e per il 30% su fondi bancari, ed una quota di contributo a fondo perduto quantificata sulla
    base dei fondi disponibili e nei limiti riportati nelle tabelle riportate a pagina 19 e 20 del bando allegato a fine articolo;

  • per le imprese a media capitalizzazione, invece, il beneficio prevede esclusivamente la concessione di un finanziamento agevolato, anche in questo caso concesso per il 70% a tasso zero e per il 30% su fondi bancari.
adv

A CHI SI RIVOLGE

Il Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento imprese in Piemonte si rivolge a Micro, Piccole e Medie imprese e a imprese e piccole imprese a media capitalizzazione con processo produttivo attivo e in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere iscritte al Registro Imprese e possedere almeno un bilancio chiuso ed approvato;

  • avere in Piemonte la sede o l’unità locale attiva dove vengono realizzati gli interventi;

  • non essere identificabili come imprese in difficoltà;

  • non avere il codice ATECO primario delle sedi o unità locali destinatarie dell’intervento rientrante tra le attività economiche escluse relative ad attività illecite e/o collegate a tabacco, case da gioco, fabbricazione di armi, pesca e silvicoltura (per il dettaglio dei codici ATECO esclusi si rimanda alla lettura dell’Allegato 4 del Bando, disponibile alla fine di questo articolo);

  • assenza di procedure concorsuali e procedimenti volti alla loro dichiarazione e di liquidazione volontaria;

  • non trovarsi nella condizione di dover restituire a Finpiemonte o alla Regione Piemonte somme derivanti da altre agevolazioni precedentemente concesse;

  • non essere società fiduciarie, né imprese tra i cui soci risultino società fiduciarie;

  • garantire il principio della trasparenza della proprietà societaria;

  • non risultare tra coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti che lo Stato in esecuzione di una decisione della Commissione europea (c.d. “impegno Deggendorf”).

A QUANTO AMMONTANO LE AGEVOLAZIONI

L’importo delle agevolazioni, sia che si tratti di finanziamento agevolato che di contributi a fondo perduto, può coprire fino al 100% dei costi ammissibili e sostenuti per l’investimento.

Il tetto massimo dei costi ammissibili è però fissato a 3 milioni di euro.

Inoltre, sono riconosciute premialità aggiuntive esclusivamente per le PMI. Queste sono erogate in caso di possesso del rating di legalità o ESG, della certificazione della parità di genere o di certificazioni relative ai sistemi di gestione ambientale, o anche in ordine alla rilevanza della partecipazione finanziaria femminile/giovanile al capitale sociale.

PROGETTI AMMESSI

I progetti incentivabili tramite gli aiuti stanziati dal Bando Piemonte 2024 sono quelli che rientrano in una delle seguenti linee di attività:

Linea a) Digitalizzazione delle imprese.

Si tratta di progetti finalizzati ad incrementare la competitività e la resilienza delle imprese che possono consistere in:

  • progetti di digitalizzazione – investimenti in infrastrutture digitali e cybersecurity, sistemi integrati, commercio elettronico, e-business e processi aziendali in rete, tecnologie emergenti;

  • progetti di digitalizzazione green – progetti di digitalizzazione finalizzati all’aumento della
    protezione ambientale, inclusi investimenti per la decarbonizzazione.

Linea b) Efficientamento produttivo delle imprese.

Si tratta di progetti di investimento volti a migliorare la competitività e la sostenibilità dei processi e dei prodotti/servizi delle imprese. Possono consistere in:

  • progetti di miglioramento della competitività – investimenti finalizzati a diversificare i prodotti e/o la fornitura di servizi, a innovare di prodotto, a trasformare il processo produttivo, anche per innalzare il livello di sicurezza sul lavoro oltre gli standard obbligatori;

  • progetti green di miglioramento della competitività – investimenti per migliorare la competitività che includano obiettivi di incremento della protezione ambientale, compresi investimenti per la decarbonizzazione.

Le spese ammissibili sono elencate al punto 2.10 del bando, e sono tali se effettivamente sostenute per la realizzazione dei progetti e rendicontate a Finpiemonte entro 60 giorni dalla conclusione degli interventi.

adv

REQUISITI DEI PROGETTI

Possono ottenere le agevolazioni del Bando per le imprese del Piemonte, i progetti aventi i seguenti requisiti:

  • dimensioni finanziarie (al netto IVA) pari a minimo 50.000 euro per le Micro e Piccole Imprese, a 100.000 euro per le Medie Imprese, a 250.000 euro per le imprese a media capitalizzazione;

  • importo massimo dei costi ammissibili pari a 3.000.000 di euro;

  • durata di massimo 18 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni.

DOMANDA

Per richiedere i contributi a fondo perduto e/o i finanziamenti del Bando 2024 Digitalizzazione ed efficientamento imprese Piemonte occorre presentare domanda online, tramite l’apposita sezione per le istanze online della Regione. Alla sezione si accede utilizzando le credenziali SPID.

La domanda, per la quale si richiede il pagamento dell’imposta di bollo (16 euro), dovrà essere corredata da tutti gli allegati obbligatori, elencati nel bando scaricabile a fine articolo.

SCADENZA

Le domande di contributo e/o finanziamento si possono presentare fino alle ore 12.00 del 31 luglio 2024 (salvo esaurimento anticipato delle risorse su cui troverete notizia sul sito della Regione Piemonte).

Il termine di apertura dello sportello, inizialmente fissato al 31 gennaio 2024, è stato infatti prorogato con Determinazione dirigenziale n. 21 del 22 gennaio 2024, dato il permanere di risorse ancora disponibili per la misura.

CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

Espletate tutte le procedure di valutazione e verifica di domande e documenti, curate da Finpiemonte e dalla Regione Piemonte, si provvederà alla concessione dei benefici riconosciuti.

I contributi a fondo perduto sono liquidati alle imprese a fronte della completa conclusione del progetto e dell’esito positivo dei controlli sulla rendicontazione.

I finanziamenti a tasso agevolato sono erogati in un’unica soluzione, a seguito di espressa autorizzazione all’erogazione da parte di Finpiemonte, tramite la banca convenzionata scelta dal destinatario.

RISORSE

La dotazione finanziaria complessivamente stanziata per il Bando per digitalizzazione ed efficientamento delle imprese in Piemonte ammonta a 80 milioni di euro.

Questi sono così suddivisi:

  • 50 milioni di euro sono destinati alla promozione della transizione digitale del sistema imprenditoriale – Linea a) Digitalizzazione delle imprese;

  • 30 milioni di euro sono destinati al supporto alla competitività e alla transizione sostenibile del sistema produttivo regionale – Linea b) Efficientamento produttivo delle imprese.

BANDO 2024 DIGITALIZZAZIONE ED EFFICIENTAMENTO IMPRESE IN PIEMONTE

Mettiamo a vostra disposizione il testo del bando aggiornato (Pdf 333 Kb) relativo agli incentivi per la digitalizzazione e l’efficientamento delle imprese promosso da Regione Piemonte e Finpiemonte. In questa pagina trovate le indicazioni dell’Ente.

ALTRE GUIDE UTILI DA LEGGERE

Vi consigliamo di leggere anche gli approfondimenti su:

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a leggere anche la nostra guida che spiega nel dettaglio la differenza tra finanziamento e contributo a fondo perduto e il nostro focus sugli incentivi autoimpiego green e digital nel 2024.

Per scoprire tutte le altre agevolazioni potete visitare la nostra pagina dedicata gli aiuti per le imprese.

Vi ricordiamo che per restare aggiornati potete iscrivervi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro. Seguiteci anche su Google News cliccando su “segui”.

di Clara R.
Redattrice, esperta di lavoro, impiego estero e formazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *