Graduatorie Istituto Docenti II e III Fascia: bando e domanda

scuola

Il MIUR ha pubblicato il Decreto per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto per il personale docente ed educativo per la seconda e terza fascia. Le stesse avranno validità per il triennio scolastico 2017 – 2018, 2018 – 2019, 2019 – 2020. 

La domanda deve essere presentata entro il 24 Giugno 2017, data di scadenza del bando. 

Facciamo chiarezza su tutti i punti, dai requisiti di accesso alle modalità di presentazione delle domande e mettiamo a vostra disposizione tutti i documenti utili.

GRADUATORIE ISTITUTO DOCENTI II E III FASCIA BANDO 2017

Con il Decreto Ministeriale n. 374 del 1 giugno 2017 il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca ha disposto l’aggiornamento della II e della III fascia delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo. Il bando MIUR consente l’inserimento nelle graduatorie di istituto docenti per il triennio 2017 2020, e / o l’aggiornamento dei punteggi. Vi ricordiamo che queste graduatorie vengono utilizzate per l’attribuzione delle supplenze di cui agli artt. 1 e 7 del Decreto del Ministro della Pubblica Istruzione 13 giugno 2007 n. 131, secondo l’ordine di priorità indicato dall’articolo 5, comma 3, del medesimo Regolamento.

Vi segnaliamo, inoltre, che per quanto riguarda la graduatoria di I fascia, che fa parte delle tre fasce in cui sono suddivise le graduatorie di circolo e d’istituto di ciascuna istituzione scolastica, per ogni posto d’insegnamento, classe di concorso o posto di personale educativo, l’aggiornamento sarà effettuato a decorrere dall’anno scolastico 2019 – 2020, in attuazione di quanto previsto dall’art. 1, comma 10 bis del Decreto Legge 30 dicembre 2015 n. 2 10, convertito in Legge 25 febbraio 2016 n. 21.

REQUISITI: TITOLI DI ACCESSO ALLE DIVERSE FASCE

Per richiedere l’inserimento e / o l’aggiornamento dei punteggi relativamente alle graduatorie di istituto docenti ed educatori per la II e III fascia occorre possedere requisiti specifici richiesti per ciascuna fascia, oltre a quelli generali previsti per l’accesso ai posti di lavoro nella pubblica amministrazione. Tutti i titoli di accesso devono essere posseduti entro la data di scadenza della presentazione delle domande.

Ecco quali sono le categorie di soggetti che possono accedere a ciascuna fascia:

SECONDA FASCIA

Aspiranti non inseriti nella corrispondente graduatoria ad esaurimento (GAE) che possiedono, relativamente alla graduatoria di circolo o d’istituto interessata, specifica abilitazione o specifica idoneità all’insegnamento.

L’abilitazione o idoneità può essere stata conseguita a seguito di concorsi per titoli e/o per esami, anche ai soli fini abilitanti, oppure con il possesso di uno dei seguenti titoli:
– diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario (SSIS);
– diploma per frequenza dei corsi COBASLID;
– diploma rilasciato a seguito della frequenza dei percorsi di cui agli art. 3 e 15, commi 1, 1bis, 16 e 16-ter del dm n. 249/10;
– diploma rilasciato per la frequenza dei corsi biennali di II livello presso i Conservatori di musica e gli Istituti musicali;
– diploma di didattica della musica congiunto al diploma di scuola secondaria di secondo di secondo grado e al diploma di conservatorio;
– laurea in scienze della formazione primaria;
– abilitazione o idoneità conseguita a seguito di partecipazione alle sessioni riservate, o altre abilitazioni;
– diploma dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, e dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997 – 1998 e conseguiti entro l’anno scolastico 2001 – 2002, aventi valore abilitante;
– idoneità o abilitazione all’insegnamento conseguita all’estero riconosciuta dal MIUR. Per gli aspiranti che rientrano in questo punto è richiesto il possesso di un certificato che attesta la conoscenza della lingua italiana corrispondente al livello C1 o C2 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER).

Relativamente alle nuove classi di concorso istituite con il D.P.R. 19 / 2016, nelle quali sono confluite più classi di concorso di cui al D.M. 39 / 1998 e s.m.i., come titolo di accesso è valida l’abilitazione in una delle classi di concorso del vecchio Ordinamento. Coloro che possiedono più abilitazioni possono far valere come titolo di accesso quella più favorevole, mentre le altre saranno valutate come altri titoli.


TERZA FASCIA

L’accesso alla III fascia è consentito a tutte le persone in possesso dei titoli di studio validi per l’accesso all’insegnamento richiesto e per lavorare nel personale educativo, ovvero:

PER LE CATTEDRE DI SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO

– Coloro che hanno conseguito titoli di studio validi per accedere all’insegnamento richiesto di cui al D.P.R. n. 19 / 2016 o che, ai sensi dell’art. 5 del D.M. n. 259 del 9 maggio 2017, all’entrata in vigore del D.P.R. n. 19 / 2016 possiedono di titoli di studio validi per l’accesso alle classi di concorso ai sensi del D.M. n. 39 / 98 e s.m.i. e del D.M. n. 22 / 2005 che possono partecipare alle prove di accesso ai percorsi di tirocinio formativo attivo di cui al D.M. n. 249 / 2010 e presentare domanda di inserimento nelle graduatorie di istituto per le corrispondenti nuove classi di concorso;
– soggetti che hanno conseguito titoli di studio all’estero dichiarati equipollenti, con eccezione di quello previsto per l’accesso alla classe di concorso di conversazione in lingua estera, in possesso di una conoscenza della lingua italiana corrispondente al livello C1 o C2 del QCER.
Per le graduatorie di concorso di conversazione in lingua estera, il titolo di studio conseguito in uno o più Paesi in cui la lingua oggetto della conversazione è quella ufficiale è considerato corrispondente al diploma di istruzione secondaria di II grado quando è di un livello tale da consentire, nell’ordinamento scolastico del paese di conseguimento, l’accesso agli studi universitari. Lo stesso titolo dev’essere accompagnato da altri titoli o esperienze professionali valide in ambito didattico, educativo, culturale.

PER I POSTI DI PERSONALE EDUCATIVO

– Aspiranti che hanno conseguito una laurea in scienze della formazione primaria per l’indirizzo di scuola primaria, scienze della formazione primaria a ciclo unico quinquennale, scienze dell’educazione, scienze pedagogiche, scienze dell’educazione quadriennale o vecchio ordinamento;
– laureati nei corsi di laurea appartenenti alle classi 65 / S e LM – 57 in scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua;
– diplomati dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997 – 1998 e terminati entro l’anno scolastico 2001 – 2002;
– coloro che non possiedono i requisiti precedenti ma hanno ottenuto l’accesso nelle graduatorie delle istituzioni educative per il biennio scolastico 2009 – 2010 e 2010 – 2011 grazie alle disposizioni particolari di cui all’ art. 2, comma l.lettera h), II capoverso del Decreto del Ministro della pubblica istruzione 21 giugno 2007 n. 53.

SOSTEGNO

Ai posti di sostegno accedono i candidati in possesso dei seguenti titoli:
– titoli di specializzazione di cui all’articolo 325 del D.L.vo 16 aprile 1994, n. 297, al decreto del Ministro dell’Università e della ricerca scientifica e tecnologica 26 maggio 1998, emanato di concerto con il Ministro della pubblica istruzione e al Decreto del ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 20 febbraio 2002;
– laurea in scienze della formazione primaria, con specifico modulo per il sostegno;
– diploma di specializzazione conseguito a seguito della frequenza dei corsi di cui all’art. 13 del D.M. 10 settembre 2010 n. 249.


Per ulteriori dettagli relativi ai requisiti richiesti per partecipare al bando graduatorie di istituto docenti e personale educativo 2017 – 2020 si rimanda a quanto specificatamente indicato nel relativo Decreto del MIUR.

COME CAPIRE SE SI HANNO I REQUISITI DI ACCESSO AD OGNI DIVERSA FASCIA

Dato che non è affatto semplice comprendere se il proprio titolo di studio o la propria abilitazione siano idonei per l’accesso alle graduatorie, il Miur ha messo a disposizione una APPLICAZIONE che precisa tutti i titoli di accesso alle classi di concorso, mette a disposizione i decreti e le tabelle con tutte le lauree ammesse, comprese le equiparazioni tra diplomi di laurea del vecchio ordinamento, lauree specialistiche e laurea magistrale e persino le lauree soppresse o che hanno cambiato denominazione per individuare le corrispondenze. Nel menu a sinistra è possibile effettuare una ricerca per titolo di ammissione o per classe di concorso. 

MODELLI DI DOMANDA

Ecco i modelli disponibili per le Graduatorie Istituto Docenti e da chi devono essere presentati:
Modello di domanda A/1 – per chi chiede l’inclusione in II fascia;
Modello di domanda A/2 – per aspiranti che chiedono l’inclusione nelle graduatorie di III fascia, in riferimento alle seguenti condizioni:
a) soltanto per insegnamenti in cui non figuravano nelle precedenti graduatorie di circolo e di istituto del triennio 2014/17;
b) soltanto per insegnamenti in cui già figuravano nelle precedenti graduatorie di circolo e di istituto del triennio 2014/17;
Modello A/2 bis – per l’inclusione in III fascia sia per gli insegnamenti per i quali erano già iscritti in graduatorie di III fascia del triennio 2014/2017 che per nuovi insegnamenti
Modello B – deve essere presento da tutti gli aspiranti per la richiesta di inclusione nelle graduatorie di circolo e di istituto delle Scuole prescelte.

Quindi:
Per la richiesta di inclusione nella graduatoria di II fascia devono essere presentati il Modello A/1 e il Modello B. Per la richiesta di inclusione nella graduatoria di III fascia devono essere presentati il Modello A/2 o il Modello A2/bis e il Modello B. Altri casi specifici sono indicati nel bando.


SCELTA DELLA PROVINCIA E DELLA SEDE DELLA SCUOLA

Presentando il Modello B, l’aspirante può scegliere un massimo di 20 istituzioni scolastiche, appartenenti alla medesima provincia, con il limite, per quanto riguarda la scuola dell’infanzia e primaria, di 10 istituzioni di cui, al massimo, 2 circoli didattici. L’indicazione relativa ad un istituto comprensivo vale sia per le graduatorie costituite per gli insegnamenti di scuola dell’infanzia e primaria, sia per le graduatorie costituite per gli insegnamenti di scuola secondaria di I grado.

La scelta delle province e delle sedi scolastiche prevista dal bando MIUR per le graduatorie d’istituto di II e III fascia non vale per le province di Trento e Bolzano, e per la Regione Valle d’Aosta, in quanto gli Uffici Scolastici di queste ultime adottano disposizioni e termini specifici in base a provvedimenti autonomi. Si precisa, inoltre, che gli aspiranti di II e III fascia delle graduatorie di istituto che sono già inseriti nelle graduatorie di I fascia non possono sostituire le istituzioni scolastiche, compresa la scuola capofila, pertanto, ai fini dell’inserimento in II e / o III fascia possono esclusivamente aggiornare i punteggi e utilizzare il modello B solo per confermare le sedi già indicate nel precedente triennio anche per la I fascia, salvi gli effetti del dimensionamento, e per la stessa provincia di iscrizione. 

COME PRESENTARE DOMANDA

Le domande di inclusione nelle graduatorie di circolo e di istituto devono essere presentate entro il 24 Giugno 2017Come? Il modello o i modelli di domanda devono essere spediti, con unico plico, mediante raccomandata r/r oppure consegnati a mano presso la scuola prescelta per la gestione amministrativa dell’istanza, o, in alternativa, tramite PEC all’indirizzo di posta elettronica certificata di quest’ultima.

Solo il Modello B deve essere presentato online attraverso il portale web POLIS – Presentazione On Line delle IStanze del MIUR. Tramite lo stesso, infatti, è possibile inserire la domanda in maniera telematica, attraverso la sezione ‘Istanze online’. La scadenza della presentazione del Modello B è prevista 14 al 25 luglio 2017. 


Chi non ha mai utilizzato la piattaforma, deve prima effettuare la registrazione, che prevede anche una fase di riconoscimento fisico, bisogna cioè presentarsi presso una scuola o un ufficio preposto e sottoscrivere un apposito modulo alla presenza del personale MIUR. Per ulteriori dettagli relativi all’utilizzo del sistema POLIS mettiamo a vostra disposizione questa breve guida, con tante indicazioni utili su come registrarsi e accedere ai servizi disponibili.

BANDO, ALLEGATI E DOCUMENTAZIONE

Per maggiori informazioni vi invitiamo a scaricare i seguenti documenti:

– scarica il testo integrale del DECRETO (Pdf 1,91Mb) aggiornamento delle graduatorie di istituto 2017 – 2020;
– scarica la NOTA MIUR (Zip 1,13Mb) relativa alla revisione delle classi di concorso;
– scarica i MODULI DI DOMANDA (Zip 526Kb).

Vi invitiamo, inoltre, a visitare questa pagina, dalla quale è possibile prendere visione di tutta la documentazione completa e scaricare gli altri allegati, che comprendono:
– Tabella di valutazione A della II fascia di istituto;
– Tabella di valutazione B di III fascia di istituto;
– Elenco scuole speciali 2017 2018;
– Elenco scuole slovene 2017 2018;
– Elenco istituti omnicomprensivi 2017 2018;
– Elenco Istituzioni scolastiche con sezioni ad indirizzo musicale o coreutico 2017 2018;
– Tabella confluenza classi di concorso e relativi codici meccanografici esprimibili;
– Nota prot. n. 5274/R.U./U del 7 ottobre 2013 e relativo Allegato A, con le indicazioni sulla competenza linguistica necessaria per l’esercizio della professione di docente.


PRECISAZIONI

Vi ricordiamo che la scadenza del 24 giugno 2017 riguarda esclusivamente i modelli A1, A2 e A2bis. Il modello B di scelta delle istituzioni scolastiche dovrà invece essere presentato con la modalità web, e potrà essere inoltrato dal 1° al 20 luglio 2017. I modelli di domanda A1, A2 e A2bis devono essere presentate in modalità cartacea (in unico plico) tramite uno dei seguenti mezzi:
– raccomandata a/r,
– consegna a mano all’istituzione scolastica di riferimento;
– PEC all’indirizzo PEC dell’istituzione scolastica.

Precisiamo che ciascun aspirante deve presentare il modello o i modelli di domanda per le graduatorie di personale docente ed educativo in cui ha diritto ad accedere per un’unica provincia indirizzandoli ad una unica istituzione scolastica scelta per gestire tutte le istanze.




© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Voglio le notifiche di nuovi commenti!
Notificami
5 Commenti
Newest
Oldest
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti