Come diventare game designer: formazione e lavoro

pc tirocini

Appassionati di videogames e creativi, volete sapere come diventare game designer? Oggi vi spieghiamo proprio quali conoscenze e quale formazione deve avere il game designer che non è solo, come molti credono, chi inventa il gioco, ma un professionista che si occupa delle regole e della struttura del gioco, di cui elabora le dinamiche e le modalità di svolgimento.

Ha quindi una competenza molto specifica e settoriale, anche se poi di fatto si ritrova a svolgere molteplici attività. Il game designer si può occupare del processo di definizione dei contenuti e anche del controllo qualitativo durante le varie fasi della realizzazione dei videogiochi. Nelle grandi aziende però il suo ruolo è ben definito e il game designer opera in team con altre figure professionali (grafici, level designer, programmatori) che si occuperanno di creare il gioco vero e proprio.

COMPETENZE E FORMAZIONE
Il game designer deve prima di tutto conoscere e padroneggiare molto bene le dinamiche, la struttura e le regole di tutti i giochi tradizionali e classici, oltre che dei videogames. Deve avere un’ottima conoscenza dei videogiochi su tutte le piattaforme (console e PC). Deve essere creativo, perché ogni videogioco richiede nuove ambientazioni e regole, e nello stesso tempo deve conoscere bene i gusti del pubblico e sfornare l’idea vincente.

La formazione di base può essere umanistica o scientifica (sicuramente una laurea in Informatica aiuta, ma in questo mestiere conta soprattutto saper fare, indipendentemente dal titolo di studio), integrata da ottime conoscenze di Photoshop, Illustrator e di altri programmi di grafica. E’ opportuno inoltre seguire dei corsi di approfondimento della materia: in Italia esistono dei percorsi formativi e master ma non paragonabili attualmente con quelli disponibili all’estero, che sono decisamente più completi. La stessa figura professionale del game designer, così recente, non ha ancora un profilo ben definito nel nostro paese, al contrario di altri Paesi del mondo.

Se volete fare un salto di qualità e siete disponibili a spostarvi vi consigliamo la Full Sail University in Florida. La Full Sail University propone corsi in presenza e in modalità e-learning ed lì potrete iscrivervi ai corsi di laurea in Game Design, Game Art e Game Development o il Master in Game Design. Per chi vuole rimanere in Europa consigliamo di consultare il sito della Brunel University (si trova in Inghilterra a Uxbridge, a poca distanza da Londra).

Come diventare game designer studiando in Italia? Alcuni atenei privati hanno attivato corsi di studio e master in Game design. L’Università Iulm a Milano organizza il Master in Social Gaming and Mobile Application Design, lo Ied nella sede di Roma propone un corso di 120 ore di Game Design and Development. Tenete d’occhio anche i siti delle Accademia di Belle Arti: l’Accademia Santa Giulia di Brescia, ad esempio, organizza un Corso per game designer.

SBOCCHI PROFESSIONALI E OPPORTUNITA’ DI LAVORO
Oltre alla formazione professionale al game designer vengono richieste grandi capacità e significative esperienze. Tradotto: tanta gavetta. Proponetevi per stage e per collaborazioni occasionali, perché senza un’esperienza concreta sul campo non potrete dire di essere dei bravi game designer.

A chi proporsi? Potrete bussare alla porta di aziende che operano nel campo dello sviluppo di videogiochi, che seguono le attività legate al design o studi di progettazione software, giusto per farvi le ossa. Il vostro target principale saranno le grandi aziende che producono videogames (es. UbiSoft Italia, Milestone), ma se ne avete le possibilità seguite prima un percorso didattico con corsi o master. Per aiutarvi nella ricerca di lavoro, potete consultare la nostra sezione con le aziende che assumono in Italia nel settore dei videogiochi, e nella stessa pagina troverete anche come candidarsi e inviare il curriculum vitae nei grandi gruppi internazionali come Nintendo, Sega, Sony, Atari ecc.

Proprio perchè si tratta di una figura professionale abbastanza di nicchia in Italia, avrete il vantaggio, ancora per qualche anno, di avere pochi concorrenti.

Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest
Inline Feedbacks
View all comments