Nuove professioni: esperto in compensation

L’esperto in compensation analizza le retribuzioni e i benefit dei dipendenti di un’azienda e verifica la loro coerenza all’interno dell’organizzazione stessa e in funzione del mercato esterno. In altre parole l’esperto in compensation valuta sia la componente fissa che quella variabile della retribuzione dei dipendenti e ogni altra forma di benefit come cellulare, auto aziendal e ecc. e propone interventi volti alla motivazione e alla promozione dei collaboratori. Non solo, analizza e assicura anche l’equo posizionamento in termini di livelli retributivi nel settore in cui opera l’azienda e, più in generale, nel mercato di riferimento.

L’esperto in compensation svolge un ruolo molto importante sia per l’azienda che per i dipendenti dato che dalle sue valutazioni dipendono il corretto adeguamento dei costi del personale e la soddisfazione dei lavoratori per quanto riguarda il loro trattamento economico. Il livello delle retribuzioni non deve andare in eccesso, facendo lievitare troppo i costi aziendali e nemmeno in difetto, provocando malcontento da parte dei dipendenti.

ATTIVITA’
Le attività svolte dall’esperto in compensation sono numerose:
– analizza le retribuzioni di base, quelle variabili e ogni forma di benefit percepito dai dipendenti;
– effettua valutazioni e comparazioni interne all’azienda;
– realizza indagini di tipo retributivo su altre imprese che operano nello stesso settore o in ambiti di mercato complementari e confronta i dati reperiti con quelli dell’azienda per la quale lavora;
– individua gli scostamenti con il mercato, le eventuali differenziazioni e disparità interne, le aree di potenziale miglioramento e quindi propone variazioni a breve termine o a medio lungo termine.

RUOLO LAVORATIVO
La figura professionale dell’esperto in compensation opera il più delle volte presso aziende di grandi dimensioni (es. multinazionali) nell’area delle risorse umane e della gestione del personale. Oppure lavora presso società di consulenza dove svolge la propria attività per conto di aziende clienti e su commissione di queste ultime. Nelle piccole e medie aziende questo ruolo è difficilmente presente. E’ una figura recentemente introdotta e sempre più richiesta da tutte quelle realtà aziendali che realizzano strategie di gestione del personale per garantire un ambiente di lavoro apprezzato dagli stessi dipendenti, percorsi di crescita premianti per incrementare la motivazione del personale mantenendo contemporaneamente un equilibrio nella gestione dei costi. Le tendenze attuali di richiesta del ruolo di esperto in compensation sono positive e si guarda al futuro con una prospettiva di sviluppo e diffusione di questo tipo di figura.

COMEPTENZE E FORMAZIONE
L’esperto in compensation deve conoscere molto bene gli aspetti amministrativi legati alla retribuzione del personale, i metodi di gestione delle risorse umane nonché la legislazione del lavoro. Sono indispensabili anche conoscenze dei metodi di analisi, valutazione e comparazione di dati oltre alla conoscenza di tecniche e software informatici specifici. Generalmente l’esperto in compensation è laureato in discipline politico-economiche oppure giuridiche (es. economia e commercio, economia aziendale, giurisprudenza ecc.). Attualmente non sono attivi corsi post laurea o master specifici per questa funzione ma esistono corsi sulla compensation organizzati da società di consulenza specializzate nella formazione di figure che operano nell’ambito delle risorse umane. L’esperienza si fa sul campo.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments