INPS: incentivi per le assunzioni di Detenuti e Internati

inps

Sono disponibili incentivi per assumere persone detenute o internate.

Si tratta di benefici contributivi erogati dall’Istituto nazionale della previdenza sociale a favore delle cooperative sociali che impieghino detenuti e internati, ed ex degenti di ospedali psichiatrici giudiziari. Le agevolazioni sono rivolte anche alle aziende che organizzino attività produttive o di servizi all’interno degli istituti penitenziari, impiegando persone detenute o internate.

Ecco cosa sapere sugli incentivi INPS e come richiederli.

INPS INCENTIVI PER ASSUMERE DETENUTI E INTERNATI

L’INPS, infatti, con la Circolare n. 27 del 15 – 02 – 2019, ha fornito le istruzioni contabili e operative per accedere agli incentivi per le assunzioni di detenuti e internati a partire dallo scorso anno.

Si tratta dei benefici contributivi introdotti e disciplinati dalle leggi 8 novembre 1991, n. 381, e 22 giugno 2000, n. 193, e modificati con il decreto 24 luglio 2014, n. 148, allo scopo di promuovere l’attività lavorativa da parte delle persone detenute o internate, e degli ex pazienti di istituti psichiatrici giudiziari.

L’agevolazione ha la forma di una riduzione dell’aliquota contributiva dovuta, nella misura del 95 per cento dei contributi totali, fruibile fino a 18 o 24 mesi successivi alla cessazione dello stato detentivo, a seconda della tipologia di soggetto assunto.

BENEFICIARI

Per beneficiare degli incentivi previsti, le assunzioni devono riguardare le seguenti tipologie di soggetti:

  • detenuti e internati negli istituti penitenziari;
  • ex degenti di ospedali psichiatrici, anche giudiziari, oggi sostituiti dalle REMS (Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza);
  • condannati e internati ammessi alle misure alternative alla detenzione e al lavoro esterno, ai sensi dell’articolo 21 della legge n. 354/1975 e successive modificazioni.

REQUISITI DI DATORI DI LAVORO

Possono richiedere le agevolazioni INPS i datori di lavoro che rientrano nelle seguenti categorie:

  • cooperative sociali di cui alla legge n. 381/1991, che assumono persone detenute e internate negli istituti penitenziari, persone condannate e internate ammesse al lavoro esterno o ex degenti di ospedali psichiatrici giudiziari;
  • aziende pubbliche e private che, organizzando attività di produzione o di servizio all’interno degli istituti penitenziari, impiegano persone detenute e internate.

RAPPORTI DI LAVORO INCENTIVABILI

L’INPS riconosce lo sgravio contributivo solo nel caso in cui i soggetti beneficiari siano assunti con contratto di lavoro subordinato sia a tempo determinato o indeterminato, anche con orario part time.

Sono compresi i rapporti di apprendistato, i rapporti di lavoro intermittente e le assunzioni effettuate a scopo di somministrazione. Sono esclusi, invece, i rapporti di lavoro domestico.

ENTITA’ E DURATA DEL BENEFICIO

L’agevolazione INPS consiste in uno sgravio dei contributi pari al 95% dell’aliquota contributiva complessivamente dovuta, calcolata sulla retribuzione corrisposta al lavoratore. Viene concessa per la durata del rapporto lavorativo e fintanto che i lavoratori restano nella condizione di detenuti e internati.

Se l’assunzione prosegue anche dopo la cessazione di quest’ultima, il beneficio può essere fruito per altri 18 mesi, se l’assunzione del detenuto e internato è avvenuta mentre lo stesso era ammesso al regime di semilibertà o al lavoro esterno, e a 24 mesi se è avvenuta quando il lavoratore era in regime di restrizione, senza accesso alla semilibertà o al lavoro esterno.

Il beneficio è cumulabile con altri incentivi che assumano natura economica, quali quelli per l’assunzione di beneficiari del trattamento NASpI o dei lavoratori disabili.

COME FARE DOMANDA

I datori di lavoro che intendono richiedere l’agevolazione contributiva devono presentare apposita domanda all’INPS per ciascun lavoratore per il quale intendono beneficiare dell’incentivo.

La richiesta di sgravio va inoltrata esclusivamente in via telematica, attraverso il modulo di istanza on-line ‘DETI-arr’ raggiungibile dal portale web www.inps.it, seguendo il percorso ‘Tutti i servizi > Servizi per le aziende e consulenti > DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente’. Per accedere all’area ‘Servizi per le aziende e consulenti’ occorre autenticarsi, inserendo codice fiscale e PIN.

Ciascun datore di lavoro deve presentare la domanda di agevolazione ogni anno all’INPS, anche in relazione a rapporti di lavoro e lavoratori per i quali è già stato autorizzato lo sgravio con riferimento ad anni precedenti. Il beneficio, infatti, viene riconosciuto in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande da parte dei datori di lavoro a cui l’Istituto attribuisce un numero di protocollo informatico, nei limiti delle risorse economiche disponibili.

INFORMAZIONI UTILI

Per ulteriori informazioni, mettiamo a tua disposizione il testo integrale della CIRCOLARE n. 27 del 15 – 02 – 2019 (Zip 560Kb), relativa agli incentivi INPS per assumere detenuti e internati. Per restare aggiornato su tutte le novità iscriviti alla nostra newsletter gratuita.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments